CAPITALE TOTALE 9.675.003 €
PORTAFOGLIO 9.675.003 €
CAPITALE NECESSARIO 9.798.003 €
TASSO MEDIO 14,2% p.a.

Conoscere la differenza tra debito buono e debito cattivo. Cosa analizzare e valutare?

Il debito è un argomento controverso – alcuni lo incoraggiano per obiettivi finanziari più consistenti, mentre altri ne stanno alla larga. Sfortunatamente, non esiste una risposta giusta a questo argomento di finanza personale e dipende davvero dalla situazione finanziaria dell’individuo. Il debito può essere utilizzato per ottenere la proprietà di beni, per raggiungere un obiettivo significativo e può essere usato come un mezzo per moltiplicare il reddito.

Quello che analizzeremo e valuteremo in questo articolo è se il suo debito la sta aiutando a far crescere il suo valore finanziario o lo sta danneggiando, esaminando tutti gli obiettivi finali e a cosa bisogna fare attenzione per evitare di cadere in trappole:

Qual è la differenza tra debito buono e debito cattivo?

La gente vede il debito in due modi: debito buono e debito cattivo. Il debito buono è visto come uno strumento che facilita la crescita del patrimonio, nonostante si debba del denaro alle istituzioni, di solito una banca. Aiuta a costruire il punteggio di credito, aiuta ad ottenere la proprietà di grandi beni attraverso tassi di interesse bassi e generalmente aumenta il valore del bene. Il debito cattivo fa il contrario. Di solito ha interessi elevati collegati ad esso ed è per lo più emesso su beni che diminuiscono di valore e fa poco o niente per migliorare il benessere finanziario.

Tuttavia, questa è solo una semplificazione, e la differenza è un po’ più complessa di così. Esploreremo cosa distingue un debito buono da un debito cattivo e valuteremo i pro e i contro di entrambi.

Analizzeremo anche le varie sfumature delle categorie e ciò a cui si dovrebbe prestare attenzione per quanto riguarda il debito buono ed il debito cattivo.

Cos’è il debito buono?

Se vogliamo definire il debito buono in termini semplici – è l’investimento nell’acquisizione del debito destinato a garantire un futuro finanziario solido. È spesso necessario indebitarsi per raggiungere degli obiettivi attesi nella società o per aumentare il proprio reddito. Tali debiti sono pensati per il lungo termine, e hanno lo scopo di aiutare ad acquisire un’attività ad alto valore netto che si rivaluterà nel tempo. La maggior parte dei debiti buoni ha un interesse basso che riduce l’onere dei costi di pagamento. Aiutano anche a costruire un punteggio di credito e spesso offrono dei benefici con le dichiarazioni dei redditi. Anche se spesso necessari, a volte, anche i debiti buoni possono diventare cattivi e portare a disastri finanziari (ad esempio, la crisi finanziaria del 2008 e la bolla immobiliare). Utilizzare con successo il debito a proprio vantaggio dipende da una serie di fattori di cui parleremo più avanti.

Cos’è il debito cattivo?

Qualsiasi debito che non ci si può permettere di contrarre è un debito cattivo. I debiti cattivi fanno l’opposto dei debiti buoni: sabotano la sua crescita finanziaria. Consumano il valore dal suo patrimonio netto ed influenzano negativamente il suo punteggio di credito. Il pagamento effettuato per i debiti cattivi non contribuisce alla crescita del suo patrimonio ed il valore del pagamento diminuisce invece ogni volta a causa della natura del debito. Di solito, i debiti cattivi sono su beni ammortizzabili, hanno interessi elevati e sono spesso di natura predatoria. Anche se è impossibile evitarli, è importante esserne consapevoli in modo da poterne almeno ridurre l’impatto.

Esempi di debito buono e debito cattivo

Di seguito illustreremo alcuni esempi comuni di debito buono e debito cattivo.

Esempi di debito buono

Alcuni degli esempi di base di un debito buono sono:

  • Mutuo
  • Prestito per studenti
  • Prestito per imprese

L’elenco non si limita ai tre di cui sopra, ma questi sono generalmente gli scopi ben noti per prendere in prestito del denaro.

Mutuo

Di tutta la lista dei debiti buoni, il mutuo rimane lo strumento più popolare grazie alla sua stabilità storica. Il mutuo comporta una serie di vantaggi ed è generalmente più sicuro della maggior parte degli esempi di debito buono. Dà la possibilità alla popolazione della classe media di essere proprietaria della propria casa ad un tasso d’interesse più basso e costruisce l’equità domestica.

Tuttavia, i mutui possono diventare un debito cattivo se non si capisce il mercato interno. Ad esempio, durante la crisi finanziaria del 2008, il mercato immobiliare è crollato al punto che le persone hanno dovuto lasciare le loro case, permettendo alle banche di pignorarle. I mutui sono diventati inaccessibili per i proprietari. Anche se la ragione fondamentale era il mutuo subprime, gli acquirenti non avevano la minima idea della loro capacità di contrarre prestiti e ripagarli e hanno contratto dei prestiti che non potevano nemmeno permettersi di ripagare. La maggior parte degli acquirenti non conosceva le basi della stipula di un mutuo per la casa, specialmente i tassi regolabili, che aumentano il pagamento mensile quando il prezzo delle case scende. Una tale mancanza di comprensione finanziaria ha trasformato un debito indispensabile in un debito cattivo.

Quindi, cosa si dovrebbe sapere sui mutui prima di contrarne uno? Ecco alcune delle cose di cui si dovrebbe tener conto prima di prendere in considerazione un mutuo per la casa:

  • Se lo può permettere? Ciò implica non solo la capacità di pagare mensilmente, ma anche le sue circostanze personali, come ad esempio quanto è grande la sua famiglia, se lei è l’unico percettore di reddito nella sua famiglia, se ha il sostegno finanziario di altri familiari in caso di perdita del suo reddito, ecc.
  • Idealmente, la rata del mutuo, inclusa l’assicurazione, non dovrebbe superare il 28% del suo reddito mensile. Anche se ci sono altri fattori, come le condizioni del prestito, si dovrebbero esaminare i tassi regolabili e la loro probabilità di aumentare nel tempo se il valore della casa diminuisse

La lista non è esaustiva, ma queste sono le preoccupazioni principali che bisogna comprendere. E anche se a nessuno piace essere in debito, un mutuo è l’unico modo per molti di possedere una casa, quindi tale debito è giustificabile se contratto in modo responsabile.

Prestito per studenti

Anche se il prestito studentesco ha ricevuto una pubblicità negativa a causa dei livelli crescenti del debito e della pandemia, per lo scopo di questo articolo, discuteremo solo il ruolo primario del prestito per studenti e ciò che è necessario considerare prima di assumersi una responsabilità così grande.

Come la proprietà della casa, il prestito studentesco ha lo scopo di dare accesso all’istruzione con bassi tassi d’interesse ad un individuo che altrimenti non avrebbe potuto permettersela. Dato che l’istruzione ha correlazioni positive con un migliore potenziale di guadagno e la ricerca di un buon impiego, molti considerano questo debito come un investimento necessario per migliorare il proprio futuro finanziario. È considerato un debito buono perché avere una laurea può fornire più opportunità rispetto al non averla.

Aiuta anche a costruire il punteggio di credito, se viene ripagato in tempo. Il coefficiente ideale, per quanto riguarda il prestito, dovrebbe essere limitato a 1,5 volte l’importo che si prevede essere lo stipendio del primo anno. Il prestito per studenti diventa un debito cattivo quando l’economia non può offrire ai laureati l’opportunità che la laurea avrebbe dovuto fornire. Per evitare che si trasformi in un debito cattivo, bisogna considerare e valutare alcune domande essenziali:

  • La laurea: non tutte le lauree e le materie hanno lo stesso valore sul mercato del lavoro. Prima di decidere di contrarre il prestito, bisogna chiedersi che tipo di laurea è – se una laurea di livello superiore, un diploma o un percorso di laurea, ecc. Ha una richiesta nel mercato del lavoro? Esempi potrebbero essere un master in STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica), legge o business/finanza
  • Piano dei pagamenti mensili – i pagamenti degli interessi sono appropriati? Può permettersi di ripagare? Può prendere un periodo di grazia o negoziare i tassi, ecc.?
  • Ha altri metodi di sostegno finanziario? Questo non comporta solo borse di studio, ma anche membri della famiglia che possono fornire un sostegno finanziario nel caso in cui qualcosa vada storto

Il prestito per studenti, in definitiva, è un peso finanziario, nonostante le buone ragioni per contrarne uno. Tuttavia, capire le sue circostanze è il metodo chiave per valutare se il prestito studentesco è conveniente per lei. La ricerca ha dimostrato che l’istruzione superiore ha più probabilità di ripagare nel lungo termine. Gli svantaggi del debito studentesco possono essere risolti se le autorità statali prendessero iniziative per colmare il divario tra i laureati ed il mercato del lavoro, fornendo programmi temporanei per aiutare i laureati ad adattarsi.

Prestito per imprese

Creare e gestire un’attività con successo è notoriamente difficile, ma anche finanziariamente gratificante se fatto bene. Per avviare un’attività è necessario un capitale di costo elevato, che molti senza dubbio non avranno. Avrà bisogno di indebitarsi per avviare il suo business durante i primi anni. Il prestito per imprese può essere contratto per qualsiasi cosa necessaria per gestire un’attività, al contrario di un prestito personale – potrebbe essere un prestito per l’auto allo scopo di usarla nelle operazioni commerciali, carte di credito per gestire l’attività, un debito per comprare attrezzature per l’ufficio e così via. Il debito può essere per qualsiasi cosa, purché sia per operazioni commerciali.

Potrebbe essere un debito buono, a seconda della sua comprensione e abilità negli affari, perché ci si aspetta che le imprese crescano in valore e generino reddito nel lungo periodo. I prestiti per imprese hanno anche una serie di vantaggi, come:

  • Responsabilità limitata dal business
  • Sostegno da parte dello Stato sotto forma di tassi d’interesse più bassi, riduzione o remissione del debito
  • Più convenienza e meno rischi a lungo termine rispetto al finanziamento azionario, perché non bisogna pagare gli azionisti/investitori

Ma comporta anche rischi significativi. Le nuove imprese hanno maggiori probabilità di fallire nelle condizioni attuali ed è più difficile ottenere prestiti da istituzioni tradizionali come le banche. Quindi un’attenta pianificazione dell’attività è essenziale per assicurarsi di non essere inadempienti sui prestiti. Ciò include la consultazione con un professionista finanziario per quanto riguarda la messa in comune del capitale, i piani di pagamento e la gestione delle operazioni finanziarie dell’attività in generale.

Chiunque contragga dei prestiti per creare un’impresa deve rendersi conto di alcune cose fondamentali, come ad esempio:

  • Ha un piano commerciale?
  • Ha il capitale necessario?
  • Ha una base solida di clienti?
  • Ha i fondi d’emergenza necessari per l’attività in caso perdesse la sua base di clienti?

E molti altri! Ovviamente, ci sono più domande da esaminare, a seconda della situazione finanziaria. Dipende anche da quanto aiuto finanziario è disponibile per sostenere la piccola impresa. In definitiva, i prestiti per imprese non sono affatto come i prestiti personali e le loro conseguenze saranno molto diverse. È necessario guardare tutte le matrici possibili prima di contrarre un debito così elevato.

Esempi di debito cattivo

Alcuni degli esempi più noti di debiti cattivi sono:

  • Beni ammortizzabili
  • Debiti dai costi elevati

Beni ammortizzabili

I beni ammortizzabili perdono il loro valore con il tempo e con l’uso. Le automobili sono un tipico esempio e sono considerate debito cattivo. Mentre in molti paesi non si può vivere senza un’auto, comprarla senza debiti è un’impresa impossibile per molti. Indebitarsi per un bene che perde valore non è una scelta finanziariamente intelligente, ma è una necessità che molti devono affrontare. Tuttavia, prendere in prestito del denaro per beni che si svalutano non è necessariamente un debito cattivo se si prendono alcune precauzioni, come:

  • Provare a cercare opzioni di prestito che abbiano poco o nessun interesse sul rimborso
  • Cercare di pagare il più possibile in anticipo per abbassare i tassi d’interesse
  • Approfittare della possibilità di negoziare prezzi e tassi d’interesse
  • Comprare il bene in contanti se è possibile permetterselo.

Possedere un bene che si svaluta non dovrebbe essere scoraggiante per chi ne ha davvero bisogno. Bisogna solo capire la propria situazione finanziaria prima di indebitarsi per un bene che diminuirà di valore nel tempo. Una volta capita la situazione, si avrà la fiducia necessaria per negoziare termini migliori e magari essere in grado di pagare il bene senza intaccare le proprie finanze.

Debiti dai costi elevati

Tutti i debiti cattivi hanno interessi elevati. Mentre alcuni prestiti per l’auto e i prestiti per l’anticipo sullo stipendio hanno interessi elevati, l’esempio più noto di debito cattivo ad alto interesse è la carta di credito. Il tasso d’interesse di una carta di credito può arrivare al 30% ed è noto per essere il peggior tipo di debito del consumatore. Essi sono difficili da ripagare e molte persone sono inadempienti nei pagamenti con carta di credito a causa dei vincoli di tempo e della mancanza di margine di manovra. Le inadempienze delle carte di credito porteranno alla chiusura del conto e alla segnalazione agli uffici di credito, il che avrà un impatto negativo sul punteggio di credito. Questo avrà anche un impatto sulle opportunità di contrarre debiti futuri che potrebbero essere positivi per la propria solidità finanziaria (ad esempio, un mutuo).

Quindi, come evitare il debito della carta di credito? Anche se non si può evitare del tutto di usare le carte di credito, si possono adottare alcune misure per ridurre il loro uso o usarle in modo prudente. Alcune buone misure potrebbero essere:

  • Stabilire un budget
  • Usare le carte di credito solo per le emergenze
  • Pagare la fattura in tempo
  • Non prendere troppe carte di credito

Come tutti i debiti, le carte di credito non sono necessariamente il nemico. Si può beneficiare delle carte di credito attraverso i loro sistemi di ricompensa, sconti sui servizi, e molti altri che renderanno utili gli acquisti e, allo stesso tempo, aumenteranno anche il punteggio di credito. Bisogna solo essere responsabili nell’usarle.

Come concentrarsi sul debito buono ed evitare il debito cattivo

Il modo in cui spende il denaro ha un impatto sulla presenza di un debito buono o cattivo. È fondamentale ricordare che qualsiasi debito troppo elevato o utilizzato per acquistare beni di lusso piuttosto che beni di prima necessità deve essere evitato. Ci vuole impegno e bisogna cambiare mentalità per sviluppare l’abitudine di contrarre un debito buono ed evitare un debito cattivo. Il debito buono si guadagna prendendo decisioni finanziarie intelligenti, non solo per il gusto di avere un buon debito. Potrebbe, ad esempio, scegliere di ottenere un mutuo per incrementare la crescita del suo capitale. Se non ha altre opzioni per finanziare la sua casa, l’accensione di un mutuo potrebbe essere un buon motivo per contrarre ulteriore debito.

Inoltre, sia prudente nel metodo di rimborso del debito. È sempre una buona idea dare la priorità al ripagamento dei debiti cattivi, in quanto probabilmente le costeranno di più in commissioni ed interessi rispetto ai debiti buoni e meno costosi. Prima di occuparsi del mutuo o del prestito studentesco, dovrebbe saldare le carte di credito e i prestiti auto. Alcune persone pensano di utilizzare i debiti buoni per ripagare quelli cattivi, ad esempio prendendo un prestito a basso tasso di interesse per ripagare un prestito a tasso più alto.

Inoltre, solo perché ha un debito buono piuttosto che uno cattivo, non significa che debba prendere in prestito tutto il denaro possibile.

Quando decide di chiedere un prestito, usi il suo miglior giudizio. Se, a seguito dell’acquisto di una casa, dovesse rimanere senza soldi, potrebbe pentirsene. Mantenga un rapporto debito/reddito inferiore al 35% del suo reddito lordo.

E se sta pensando di contrarre un debito supplementare per acquistare qualcosa, si assicuri che sia per le giuste ragioni. Si ponga le seguenti domande:

  • Sarò in grado di dimostrare che questo denaro è stato ben speso nel corso del prossimo anno o dei prossimi cinque anni?
  • Ho bisogno del denaro subito? Mi è possibile invece risparmiare?
  • Esiste un’altra possibilità di pagamento?

Anche se il debito è considerato buono, dovrebbe fare ogni sforzo per estinguerlo il prima possibile. Questo le permetterà di iniziare ad accumulare patrimonio. Può anche aiutarla a perseguire i suoi obiettivi perché sarà meno dipendente dal suo stipendio mensile.

Ci sono numerosi motivi per eliminare il debito. Se è seriamente intenzionato a liberarsene, dovrà creare un budget ed un piano di ripagamento del debito che le permetta di effettuare pagamenti mensili aggiuntivi ai suoi prestiti. Se gestisce il suo denaro in modo corretto, può estinguere il suo debito più velocemente di quanto pensi. Potrebbe essere necessario accettare un secondo lavoro per un periodo limitato o ridurre il suo stile di vita, ma i sacrifici ne varranno la pena.

In breve

I debiti sono una parte inevitabile della vita nell’economia attuale. Senza debiti, non si può progredire finanziariamente. I debiti possono essere buoni o cattivi, a seconda del loro impatto a lungo termine. I debiti buoni di solito migliorano il suo punteggio di credito, il che le consente di ottenere maggiori aiuti finanziari dalle istituzioni. I debiti cattivi fanno l’opposto. Alcuni esempi di debiti buoni sono il mutuo, il prestito per studenti o il prestito per imprese. Esempi comuni di debiti cattivi sono solitamente i prestiti auto o le carte di credito. Ma gli esempi non sono fissi nelle loro categorie. I debiti buoni possono diventare debiti cattivi se non è in grado di trarne beneficio nel lungo periodo. Pertanto, deve valutare l’impatto di un debito prima di assumerlo. Può fare un budget e ripagare i prestiti il prima possibile.

Non tutti i debiti possono essere classificati come buoni o cattivi così facilmente. Spesso dipende dalla propria situazione finanziaria o da altri fattori. Alcuni tipi di debito possono essere buoni per alcune persone ma cattivi per altre. Alcuni debiti cattivi sono necessari a causa delle loro circostanze. Noi non consigliamo nulla – non consigliamo di contrarre i debiti menzionati in questo articolo. Tuttavia, raccomandiamo di valutare la propria situazione finanziaria prima di contrarre qualsiasi debito e di usare saggiamente questi strumenti a proprio vantaggio.

Ultimo aggiornamento:

Altri articoli

Dichiarazione di non responsabilità: Alcuni testi su questo sito web sono puramente per le comunicazioni di marketing. Nulla di quanto pubblicato da Quanloop costituisce una raccomandazione di investimento, né si deve fare affidamento sui dati o i contenuti pubblicati da Quanloop per qualsiasi attività di investimento. Quanloop raccomanda vivamente di effettuare la propria ricerca indipendente e/o di parlare con un professionista qualificato dell’investimento prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria.