CAPITALE TOTALE 9.675.003 €
PORTAFOGLIO 9.675.003 €
CAPITALE NECESSARIO 9.798.003 €
TASSO MEDIO 14,2% p.a.

Consigli di investimento per combattere l’inflazione. Sì, l’inflazione colpisce i suoi investimenti

Combattere il tasso di inflazione è l’obiettivo primario per chiunque voglia aumentare il proprio patrimonio. Poiché i risparmi bancari non possono coprire il tasso di inflazione, tutti cercano degli investimenti per proteggersi da essa e aggiungere il profitto alla loro pensione. La maggior parte degli investitori sono consapevoli delle attività tipiche che possono tenere il passo con l’inflazione, ma allo stesso tempo molti sono ignari delle barriere ai mezzi di protezione dall’inflazione. Quindi, per combattere in modo ottimale il tasso di inflazione, gli investitori dovrebbero sapere se le loro conoscenze sull’inflazione sono ben fondate.

Il tasso di inflazione influenza anche i suoi investimenti

Una semplice definizione di inflazione sarebbe una valuta che perde il suo valore, e il suo impatto sulla realtà è l’aumento dei prezzi e la perdita del potere d’acquisto da parte degli acquirenti. Generalmente deriva da uno squilibrio nella domanda e nell’offerta di beni, ma anche disastri politici e naturali possono contribuire all’inflazione. L’obiettivo di uno stato è quello di assicurare la stabilità dei prezzi mantenendo il tasso di inflazione annuale sotto il 2%, incoraggiando nel frattempo la domanda dei consumatori per mantenere l’economia funzionante.

Mentre tutti accettano che il valore dei risparmi in un conto bancario si riduca nel tempo, la maggior parte tende a dimenticare o sceglie di ignorare che l’inflazione colpisce anche gli investimenti. Il lato positivo dell’inflazione è che un investitore può trarre vantaggio dall’aumento dei tassi di una particolare classe di attività. Lo svantaggio è che alcuni investimenti potrebbero non generare un reddito sufficiente contro le inevitabili franchigie, come l’imposta sul reddito e la conseguente inflazione delle entrate. Come investitore, dovrebbe conoscere le circostanze in cui le classi di attività sono più adatte a combattere l’inflazione. Di seguito sono riportati alcuni consigli su come battere l’inflazione.

Consigli di investimento su come combattere l’inflazione

Esistono diversi consigli per sconfiggere l’inflazione. Tuttavia, non tutti sono adatti a tutti. L’investimento contro l’inflazione è un modo per sconfiggerla, ma anche questo ha le sue varianti. Sebbene non esista un unico modo migliore per combattere l’inflazione, ci sono alcune misure che può adottare per preparare i suoi investimenti contro l’inflazione:

  • Scegliere il periodo di investimento: a lungo o a breve termine
  • Ripartire le proprie attività in modo intelligente
  • Diversificare il portafoglio in modo efficiente
  • Conoscere gli investimenti non tradizionali

Scegliere il periodo di investimento: a lungo o a breve termine

C’è un generale parere che gli investimenti a reddito fisso hanno una cattiva prestazione contro l’inflazione. Tuttavia, tali nozioni tendono ad ignorare i termini dell’investimento quando si tratta di una corretta copertura. Alcuni investimenti tendono ad avere una prestazione migliore nel lungo periodo, mentre altri sono redditizi per periodi più brevi. Gli investitori devono ricercare bene i periodi prima di prendere delle decisioni.

Ad esempio, uno studio della TUM ha valutato che le azioni sono un buon investimento contro l’inflazione sul lungo periodo. Questo perché il valore delle azioni si muove con i prezzi degli indici. Un’inflazione più alta indica dividendi più alti e quindi maggiori entrate. Anche i contratti future o i contratti a termine sulle commodity sono ottimi investimenti a lungo termine contro l’inflazione per più di tre anni, e il loro risultato positivo aumenta con l’aumentare del periodo.

Le obbligazioni hanno una pessima reputazione nel mercato degli investimenti a causa del loro valore decrescente. Eppure, gli studi hanno dimostrato che le obbligazioni hanno capacità di combattere l’inflazione simili a quelle delle azioni nel lungo periodo, con l’ulteriore vantaggio di essere efficienti in termini di costi. Lo stesso si può dire per l’oro, che non è popolare tra gli appassionati di investimenti a causa dei suoi bassi rendimenti. Eppure, gli studi dimostrano che può resistere contro l’inflazione nel lungo periodo, anche se in parte è perché dipendono dal mercato monetario, cioè possono essere considerati superati dalla gente.

Gli immobili possono essere l’unica attività che può sostenere tutti i termini di investimento, a seconda dell’investitore stesso. Presenta le stesse caratteristiche di resistenza all’inflazione delle azioni e porta buoni guadagni per chi investe per un breve periodo. Gli studi non fanno altro che confermare l’ovvio: un investimento immobiliare batte l’inflazione sia a lungo che a breve termine.

Ripartire le proprie attività in modo intelligente

Qualunque periodo scelga per il suo investimento, deve comunque considerare come ripartirlo. La ripartizione delle sue attività di investimento è essenziale nella gestione del suo portafoglio poiché è un fattore decisivo per le sue entrate e, in definitiva, per combattere l’inflazione. L’aspetto critico della ripartizione delle attività è che dovrebbe essere dinamica, cioè dovrebbe essere combinata con diverse classi di attività che bilancino i suoi rendimenti e rischi.

La ricerca dimostra che nessuna singola attività rappresenta un modo perfetto per proteggersi dall’inflazione. L’efficacia di una copertura contro l’inflazione dipende da quanto il rendimento di un’attività segue l’inflazione, da quanto è sensibile all’inflazione, da quanto tempo si mantiene al di sopra dell’inflazione e da quanto tempo viene mantenuta. Gli studi, però, dimostrano che un modo eccellente di ripartire le attività è quello di avere un mix di azioni e obbligazioni con un indice in contratti a termine sulle commodity (o “commodity futures”, CF) che può bilanciare i rendimenti con i rischi in un’atmosfera inflazionistica. Le commodities hanno a che fare con attività reali, a differenza delle azioni, e quindi hanno una precisa correlazione con l’inflazione. I loro prezzi si muovono insieme all’inflazione e, di conseguenza, sono stabili. Gli indici e le CF basati sul petrolio e sulla produzione sono eccellenti opzioni di copertura.

Alcuni includono gli immobili nei loro investimenti per bilanciare meglio il loro portafoglio e combattere l’inflazione. Poiché si tratta di un bene tangibile che aumenta di valore nel tempo, è considerato una copertura di prima classe contro l’inflazione. Gli investitori possono scegliere un immobile residenziale o commerciale o entrambi, ma in entrambi i casi l’immobiliare è a bassa volatilità con alti rendimenti. D’altra parte, gli studi dimostrano che i ricavi dei REIT (Real Estate Investment Trust) non sono correlati all’inflazione. Quindi, l’investimento in REIT azionari e ipotecari non è al sicuro da essa. Una volta che un investitore si rende conto di questi fattori, continuerà ad allocare il suo patrimonio in modo intelligente ed efficiente.

Ripartire le attività in modo intelligente nel suo piano pensionistico

Le pensioni non dovrebbero essere ignorate quando si tratta di combattere l’inflazione. I suoi conti pensionistici sono un modo per investire in attività, come azioni e obbligazioni, a un costo di gestione inferiore. Inoltre, anche i benefici fiscali contribuiscono alla copertura. A seconda della sua età, dovrebbe essere in grado di decidere quanto o quanto spesso investire nella sua pensione. Se si sta avvicinando alla pensione, gli esperti affermano che dovrebbe continuare a versare sul conto pensionistico il denaro che non le serve subito. Le persone più giovani, che hanno più tempo per recuperare dai fallimenti del mercato, dovrebbero concentrarsi maggiormente sull’investimento in azioni attraverso i loro conti pensione.

Includere delle azioni di valore nella ripartizione delle sue attività

Se è giovane, può anche investire una parte del suo denaro in azioni di valore. Nel 2021, gli investitori preoccupati per la volatilità del mercato azionario causata dalla pandemia globale si sono rivolti alle azioni di valore considerandole un rifugio sicuro. Alcuni investitori vedono le azioni di valore come un investimento sicuro perché hanno prezzi bassi ma pagano molti dividendi. Nei cinque anni successivi allo scoppio della bolla dot-com nel 2000, le azioni di valore hanno ottenuto risultati migliori del 16%.

Diversificare il portafoglio in modo efficiente

La diversificazione del portafoglio è una strategia efficace contro l’inflazione su cui concordano tutti gli investitori, ma più della metà non sa cosa comporta. Diversificazione non significa semplicemente distribuire gli investimenti in tutti i tipi di attività – significa distribuire il rischio evitando di investire nella stessa classe di attività o con la stessa caratteristica di rischio. Una diversificazione del portafoglio adeguata ha più probabilità di combattere l’inflazione rispetto alla diversificazione del portafoglio eccessiva. Gli investitori devono assicurarsi di evitare di diversificare eccessivamente investendo in troppe attività della stessa classe o con le stesse caratteristiche di rischio. Questo portafoglio può portare grandi profitti quando il mercato spinge la classe di attività al rialzo. Tuttavia, quando l’economia crolla, gli indici risponderanno inversamente allo stesso evento economico, rendendo questa diversificazione del portafoglio costosa e completamente obsoleta.

Un portafoglio diversificato adeguatamente dovrebbe avere una combinazione di fondi indicizzati, fondi negoziati in borsa (EFT), azioni e immobili. Ma questa non è la regola standard che gli investitori devono seguire ad ogni costo. L’investitore deve essere proattivo e distribuire i propri rischi scegliendo attività che hanno meno probabilità di essere influenzate dall’inflazione.

Conoscere gli investimenti non tradizionali

Essere un investitore significa mantenere una mente aperta a tutte le forme di veicoli d’investimento, non limitandosi agli investimenti tipici, poiché ci sono degli ostacoli all’interno di queste stesse attività che possono impedirle di entrare nel mercato. Gli ostacoli possono includere un alto requisito di capitale minimo per investire, o non soddisfano le sue esigenze specifiche (investimenti a breve termine, ad esempio, dato che la maggior parte degli investimenti tipici sono a lungo termine). Questo non farà che allontanarla dal proteggersi dall’inflazione. Per aggirare queste difficoltà, può guardare ad alcuni investimenti non tradizionali che sono stati creati, come il prestito P2P (peer-to-peer o prestito tra privati), le criptovalute e il crowdfunding. Si tratta di attività uniche in quanto integrano la tecnologia finanziaria e l’automazione, diversificano, bilanciano i rischi e consentono di mantenere il controllo della situazione.

Negli ultimi anni, le criptovalute sono diventate una classe di attività multimiliardaria grazie ai bassi costi di transazione e all’utilizzo della blockchain. Il prestito tra privati è diventato popolare perché ha eliminato l’intermediario utilizzato per ottenere il massimo dall’accordo. Le aziende facilitano le parti che altrimenti avrebbero poche opzioni per prendere in prestito e investire denaro. Gli investitori possono scegliere tra vari tipi di prestito, la durata e il tipo di debitore. Ci sono diverse piattaforme di prestito P2P ben note che hanno fornito rendimenti stabili agli investitori tra il 5% e il 30%. Il crowdfunding è un altro tipo di investimento che ha permesso agli investitori di investire in beni immobili o in un’impresa a un capitale accessibile, permettendo agli investitori di guadagnare un reddito su attività specifiche che altrimenti non avrebbero potuto permettersi direttamente. Il crowdfunding ha avuto successo come modello di raccolta di capitale negli ultimi 10 anni, e ha dato il via a molte imprese che oggi sono ben note. La lista non è esaustiva. Ci sono innumerevoli varianti di investimenti che possono aiutare a proteggersi dall’inflazione.

In cosa investire per combattere l’inflazione?

Gli investitori hanno difficoltà a capire quali tipi di investimenti possano dare loro un rendimento migliore rispetto al tasso di inflazione. È importante ricordare che non esiste un solo modo per combattere l’inflazione, ma ci sono molti modi per ridurre i danni che l’aumento dell’inflazione può causare ai suoi investimenti e ai suoi piani di guadagno. Di seguito sono elencati alcuni investimenti che battono l’inflazione e che sono ben conosciuti. Tuttavia, anche se non sono i migliori investimenti per combattere l’inflazione, limitano le perdite a lungo termine. Analizzeremo anche le loro prestazioni effettive in termini di risultati di ricerca.

Combattere l’inflazione investendo nell’oro

Per quanto riguarda la lotta all’inflazione, l’oro ha una storia contrastante. Negli anni ‘70, quando i prezzi del petrolio sono saliti alle stelle e l’offerta monetaria degli Stati Uniti è cresciuta a un ritmo senza precedenti, l’oro ha registrato una prestazione eccezionale. Nel Regno Unito, per quasi tutti gli ultimi 40 anni, l’oro sembra aver fornito una certa protezione contro l’aumento dell’offerta monetaria. I rendimenti dell’oro possono essere previsti utilizzando l’IPC (Indice dei Prezzi al Consumo). Tuttavia, l’oro ha generato rendimenti totali negativi nei primi anni ‘80 e ha avuto una prestazione inferiore rispetto alle azioni a grande capitalizzazione con un margine significativo. La prova che l’oro possa essere utilizzato come copertura contro l’inflazione è, nel complesso, debole. Nei 15 anni precedenti, il coefficiente di correlazione dell’oro con l’inflazione è stato di appena 0,07. Negli ultimi tre anni, la correlazione è scesa a uno 0,26 negativo.

Investire nelle azioni per combattere l’inflazione

Analizzando i dati storici sui rendimenti, gli investitori possono farsi un’idea più precisa della prestazione del mercato durante i periodi di alta e bassa inflazione. L’impatto dell’inflazione sui rendimenti azionari è stato ampiamente studiato. Tuttavia, la ricerca ha spesso prodotto risultati contraddittori. La maggior parte degli studiosi ha osservato che l’aumento dell’inflazione tende a far scendere i prezzi di mercato. Gli studi dimostrano che con l’aumento dell’inflazione, il rapporto prezzo-utile delle azioni europee diminuisce. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che le aziende possono trasferire parzialmente gli aumenti di prezzo ai clienti, ma è improbabile che questo sia sufficiente a coprire gli impatti negativi di un aumento del tasso di sconto del mercato.

Combattere l’inflazione con gli immobili

Secondo alcuni studi, le azioni immobiliari non offrono alcuna protezione contro l’inflazione. I rendimenti immobiliari sono correlati negativamente con l’aumento dei prezzi, il che suggerisce un impatto negativo sui rendimenti immobiliari quando i prezzi aumentano. Il motivo per cui le persone si affidano ancora all’immobiliare è che quando l’inflazione aumenta, gli investitori modificano le loro aspettative.

Investire direttamente nel settore immobiliare, tuttavia, offre una comprensione più chiara del mercato. I rendimenti corretti per l’inflazione degli uffici e degli immobili residenziali superano quelli degli immobili commerciali. Gli immobili residenziali, in particolare, hanno forti proprietà di copertura dell’inflazione, perché ci sono poche alternative.

Battere l’inflazione con le obbligazioni indicizzate all’inflazione

Gli investimenti legati all’inflazione sono tra le attività più consigliate dagli investitori. I pagamenti del capitale e degli interessi delle obbligazioni indicizzate all’inflazione sono contrattualmente legati a un indice di inflazione riconosciuto a livello nazionale. Questo aiuta a proteggere gli investitori dall’impatto negativo dell’inflazione. È fondamentale che gli investitori e i consumatori esaminino la copertura dall’inflazione fornita dalle obbligazioni indicizzate all’inflazione, perché tutto è esposto all’inflazione. Le obbligazioni esplicitamente indicizzate alle variazioni dell’inflazione sono una strategia efficiente per aggiungere rendimenti reali espliciti a un portafoglio, perché le classi di attività tradizionali come le azioni e le obbligazioni possono essere influenzate negativamente da periodi di inflazione persistente. Avere un legame diretto con il tasso di inflazione nazionale significa che qualsiasi aumento dei prezzi influisce direttamente sul valore del capitale di un’obbligazione indicizzata all’inflazione. Alcuni emittenti possono utilizzare un metodo diverso per calcolare i pagamenti, ma tutte le obbligazioni indicizzate all’inflazione sono destinate a pagare gli investitori con rendimenti legalmente legati all’inflazione.

Nel Regno Unito, le obbligazioni di questo tipo sono legate all’indice dei prezzi al dettaglio. In Europa, le obbligazioni sono legate all’indice armonizzato europeo dei prezzi al consumo. Negli Stati Uniti sono legate all’indice dei prezzi al consumo e sono note come titoli del Tesoro protetti dall’inflazione. Per i governi, le obbligazioni indicizzate all’inflazione sono spesso vendute per abbassare i tassi di prestito e aumentare la loro base di investitori.

In breve

L’inflazione avrà un effetto sui suoi investimenti indipendentemente da quello che fa. Sebbene non esistano investimenti a prova di inflazione, essi limiteranno le perdite dovute all’inflazione per un lungo periodo. Non bisogna però trascurare l’importanza di un conto di risparmio nel caso di una crisi finanziaria inaspettata. Per assicurarsi di essere ben protetto contro l’inflazione, scelga un orizzonte temporale per determinare in quali attività investire e si attenga ad esso. Gestisca il suo denaro in modo efficace e diversifichi i suoi investimenti, in modo che se un’attività perde valore, le altre non ne risentano. Questo include sia la sua pensione che i conti azionari a valore aggiunto. Anche gli investimenti non tradizionali, come il prestito tra privati o il crowdfounding, possono essere utilizzati per coprirsi dall’inflazione. Investire in attività tradizionali come gli indici di borsa, gli immobili, i titoli di Stato e l’oro può aiutare a difendersi dall’inflazione, ma nessuno di essi è garantito. A volte, l’inflazione può avere un impatto anche su queste attività. Sì, l’inflazione incute timore, ma investire e ridurre i costi d’investimento sono tutti modi per stare al passo con l’inflazione.

L’inflazione è inevitabile e proteggersi da essa, sebbene importante, non è l’obiettivo finale. Investire per l’inflazione la metterà in vantaggio rispetto alla concorrenza. Dovrebbero essere presi in considerazione anche altri fattori, come i rischi, i rendimenti e la liquidità. Con l’aiuto delle piattaforme di tecnofinanza, le persone ora hanno la possibilità di permettersi di prendere delle misure contro l’inflazione.

Ultimo aggiornamento:

Altri articoli

Dichiarazione di non responsabilità: Alcuni testi su questo sito web sono puramente per le comunicazioni di marketing. Nulla di quanto pubblicato da Quanloop costituisce una raccomandazione di investimento, né si deve fare affidamento sui dati o i contenuti pubblicati da Quanloop per qualsiasi attività di investimento. Quanloop raccomanda vivamente di effettuare la propria ricerca indipendente e/o di parlare con un professionista qualificato dell’investimento prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria.