CAPITALE TOTALE 9.675.003 €
PORTAFOGLIO 9.675.003 €
CAPITALE NECESSARIO 9.798.003 €
TASSO MEDIO 14,2% p.a.

Cambiamento climatico e investimenti

Il cambiamento climatico è un processo complesso che ha un impatto negativo sull’ambiente globale. L’anidride carbonica e le altre emissioni di gas a effetto serra prodotte dalle industrie create dall’uomo ne sono i maggiori responsabili. Molti paesi in tutto il mondo hanno compiuto sforzi per diminuire il loro impatto ambientale e ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Mentre alcuni investitori potrebbero non preoccuparsi delle conseguenze ambientali dei loro portafogli, quelli che lo fanno possono trovare la tecnologia green e le energie rinnovabili più interessanti per le prospettive d’investimento. I gestori patrimoniali istituzionali hanno ritagliato un mercato più ampio per gli investitori che cercano metodi più etici per far crescere il loro denaro.

Nel nostro articolo illustreremo in che modo gli investitori attenti al clima possono adattare il proprio portafoglio per fare la differenza, ottenere dei rendimenti e proteggere il loro patrimonio:

Cosa sono gli investimenti climatici?

Gli investimenti climatici (o climate investing) sono un sottoinsieme di investimenti effettuati nel settore ambientale, sociale e di governance (ESG), che mirano a generare sia un guadagno finanziario che un beneficio sociale. L’obiettivo del climate investing è quello di sostenere la tecnologia o le aziende che si prevede saranno essenziali nel momento in cui il mondo passerà dai combustibili fossili e dalle industrie ad alta intensità di carbonio alle energie rinnovabili. Numerosi investitori e aziende stanno già investendo in nuove forme di energia rinnovabile che possono essere utilizzate per sostituire i combustibili fossili. Anche gli sforzi ecologici, come le compensazioni di carbonio, hanno rappresentato un percorso finanziario praticabile.

Cosa devono sapere gli investitori sul cambiamento climatico?

L’influenza del cambiamento dell’ambiente mondiale sui portafogli degli investitori non può più essere ignorata. Si prevede che i risultati degli investimenti a lungo termine saranno influenzati dal cambiamento climatico. Sono stati intrapresi diversi studi per esaminare l’esposizione degli investimenti al rischio climatico e il suo impatto sui rendimenti degli investimenti entro il 2050. Mercer ha pubblicato uno studio aggiornato nel 2015 riguardante i settori più colpiti a causa del cambiamento climatico e ha scoperto che l’industria del carbone sarebbe quella a soffrire di più, mentre il settore delle energie rinnovabili prospererebbe.

L’aumento delle temperature e gli sforzi per contenere il riscaldamento globale comporteranno una diminuzione dei rendimenti di almeno alcune attività, tra cui le azioni e le obbligazioni. Si prevede che i rendimenti medi annuali del carbone scenderanno dal 26% al 138% entro il prossimo decennio. Gli investitori dovrebbero tenerne conto quando prendono decisioni d’investimento a lungo termine. Molti investitori sono ora alla ricerca d’investimenti più ecologici e rispettosi dell’ambiente, non solo per il bene del pianeta ma anche perché c’è un potenziale di crescita. Ci sono varie scelte per gli investitori che vogliono costruire un portafoglio incentrato sul cambiamento climatico. Gli investimenti in energie rinnovabili e le aziende che si impegnano in modo ecologico sono due delle scelte più note.

I rischi del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico comporta dei rischi per tutti gli aspetti della sua vita, compresi il suo tenore di vita, la sua salute e l’economia che la circonda. I mezzi di sostentamento di molte persone stanno già subendo un impatto negativo a causa di eventi meteorologici estremi, che stanno diventando più comuni e gravi a causa del cambiamento climatico. Molte comunità, molte delle quali si trovano già in una posizione precaria, hanno perso la capacità di riprendersi dalle avversità.

Circa il 60% delle aziende europee ritiene di essere vulnerabile al cambiamento climatico, in particolare nei Paesi delle regioni meridionali, orientali e centrali, che sono già significativamente colpite da ondate di calore estreme. Spagna e Francia condividono alcune delle percentuali più alte, con il cambiamento climatico che rappresenta una delle principali preoccupazioni per il 77% delle aziende spagnole e il 31% di quelle francesi. I settori dell’energia, dell’edilizia, dei trasporti e altri settori ad alta intensità operativa sono più vulnerabili ai danni fisici causati dal cambiamento climatico, con quasi l’80% delle aziende che sottolineano l’impatto degli eventi meteorologici sulle loro attività commerciali. Le aziende con attività intense sono più vulnerabili agli eventi meteorologici estremi e percepiscono il rischio fisico come un fattore significativo da considerare. Le utenze che si affidano a risorse naturali, come l’energia idroelettrica, dipendono fortemente dalle condizioni meteorologiche. Pertanto, un cambiamento potrebbe portare a un risultato negativo.

In che modo il cambiamento climatico influisce sugli investimenti?

Il cambiamento climatico ha il potenziale di influenzare tutto, compresi i suoi investimenti. Può avere un impatto sul sistema finanziario quando il valore delle attività finanziarie diminuisce, il che potrebbe portare a perdite per le banche, i proprietari di attività e altre istituzioni finanziarie, a causa della perdita di denaro da parte dei debitori. Ciò si tradurrebbe in una diminuzione del valore degli investimenti e in un aumento del rischio per i finanziatori e gli altri partecipanti al mercato.

L’influenza del cambiamento climatico sugli investimenti è stata stimata in molti modi. Ad esempio, si prevede che le temperature aumenteranno di circa 4 gradi Celsius, mentre i prezzi delle attività dovrebbero diminuire tra il 2,9% e il 9,7%. Il costo delle case in prossimità dell’innalzamento del livello del mare è più basso che altrove, ma l’assicurazione è più alta. Questo potrebbe essere specifico per alcuni settori e regioni geografiche che sono più vulnerabili al cambiamento climatico rispetto ad altri. Molte aziende potrebbero subire un impatto negativo nei settori in cui le infrastrutture sono meno mobili e più costose.

Gli studi dimostrano che il 53% del portafoglio non può essere protetto dal cambiamento climatico. Mentre il restante 47% può essere protetto, questo non fa che confermare che nessuna strategia offrirà una diversificazione del rischio superiore al 50%. Inoltre, un portafoglio con meno del 50% in azioni potrebbe perdere più del 25%, mentre la perdita potrebbe essere superiore al 45% se il suo portafoglio è aggressivo. Se vive in un’economia sviluppata, è probabile che i settori più colpiti siano l’edilizia, l’immobiliare e i materiali di base. Nei Paesi emergenti, l’impatto sarà avvertito dall’energia e dalle utenze, dai consumatori e dall’industria agricola.

Quali sono i migliori investimenti per il cambiamento climatico?

Molti esperti ritengono che quando si realizzerà l’aumento delle temperature, l’energia alternativa, i trasporti e i progetti ecologici diventeranno sempre più comuni. Se i combustibili fossili e altre tecnologie inquinanti saranno limitati dal governo, le alternative pulite potrebbero diventare immensamente redditizie. Di seguito vengono analizzate le energie rinnovabili e le iniziative green.

Energie rinnovabili

L’utilizzo delle energie rinnovabili è fondamentale per eliminare gradualmente l’uso dei combustibili fossili. Fonti di energia naturale come il vento e il sole possono fornire elettricità a buon mercato senza inquinare l’ambiente o emettere anidride carbonica. Molte aziende sono alla ricerca di metodi innovativi per sviluppare e aumentare queste tecnologie. Secondo un’analisi di Mercer, i rendimenti medi annuali nel settore delle energie rinnovabili potrebbero aumentare dal 4% al 97% nei prossimi 10 anni. Il sotto-settore delle energie rinnovabili potrebbe avere un aumento dei rendimenti medi annuali dal 6% al 54% nei prossimi 35 anni.

La tecnologia solare è una nicchia emergente nel settore dell’energia alternativa, se si è disposti a rischiare. La produzione di pannelli solari è aumentata ad un tasso di crescita annuale composto di oltre il 40% negli ultimi 15 anni, rendendola una delle industrie in più rapida crescita al mondo. Market Vectors Solar Energy ETF (KWT) e Guggenheim Solar Fund sono due esempi di azioni e fondi (TAN).

Iniziative green

Le aziende che hanno programmi significativi di energia green potrebbero anche essere una buona scelta per un portafoglio orientato al cambiamento climatico. Queste aziende hanno fatto investimenti significativi nelle compensazioni delle emissioni di carbonio, materiali sostenibili, sostituti della carne, auto elettriche e altre tecnologie a bassa emissione di carbonio. Questi fondi sono stati accessibili in Europa per decenni, ma sono davvero decollati tra il 2006 e il 2008, quando i sussidi governativi hanno aiutato la crescita dei settori green e delle energie rinnovabili.

Investire in progetti green è stato a lungo considerato come una proposta rischiosa con alti costi di capitale e complicate esigenze infrastrutturali. I costi spesso superano le entrate, soprattutto a breve termine. La crisi finanziaria ha causato una riduzione delle sovvenzioni nelle imprese green e ha colpito duramente le loro operazioni tra il 2009 e il 2012.

Molte imprese riconoscono ancora i vantaggi a lungo termine di questi investimenti e si sono impegnate per garantire un futuro migliore per se stesse e per l’ambiente. Alla fine della crisi, nel 2013, la gestione degli attivi ha ricominciato a salire, aumentando del 16% nel 2016 e del 47% nei tre anni precedenti, rendendo il mercato green più ampio di quanto non fosse nel 2009. Mentre la prestazione dei fondi ha mantenuto a malapena a galla il mercato tra il 2011 e il 2013, la raccolta netta è stata positiva nell’ultimo anno (5,3%), alimentando la crescita del patrimonio. Una solida prestazione finanziaria dei fondi nel 2016 (in media 6,3%) e l’introduzione di nuovi fondi per un totale di 600 milioni di euro entro la fine dell’anno hanno alimentato l’espansione del mercato. Con un tasso di afflusso medio dell’11,8% nel 2016, i progetti basati sul settore idrico hanno rappresentato la maggior parte degli introiti (760 milioni di euro). Diversi fondi sono cresciuti significativamente in termini di dimensioni negli ultimi cinque anni, con un patrimonio totale di oltre 1 miliardo di euro.

Lo STOXX Global Climate Change Leaders Index è un noto fondo creato per onorare le aziende più attente all’ambiente del mondo come Apple, Bank of America, Microsoft e Alphabet.

I rendimenti degli investimenti climatici

I rendimenti delle imprese green sono stati generalmente inferiori ai guadagni dei settori tradizionali che cercano di sostituire, rendendo questi investimenti difficili da giustificare. Inoltre, gli investimenti in tecnologie rinnovabili ed ecologiche potrebbero richiedere anni per fruttare, costringendo gli investitori ad aspettare i benefici a lungo termine piuttosto che quelli immediati. Ma non bisogna essere delusi dalla lentezza degli investimenti sul clima, perché la ricerca mostra che il divario si sta riducendo. I fondi ESG hanno raggiunto 51,1 miliardi di dollari di attività nette nel 2020 e nel 2021 il mercato del debito sostenibile ha superato i 1.600 miliardi di dollari. Il 2022 prevede che gli investimenti in energia pulita cresceranno dell’8%.

In breve

L’investimento sul cambiamento climatico sta aumentando di popolarità grazie al suo graduale aumento dei rendimenti. Gli investimenti sul clima hanno convinto le persone a riflettere sugli effetti del cambiamento climatico non solo sull’ambiente, ma anche sulle attività tradizionali. Come conseguenza del cambiamento climatico, ad esempio, gli incendi e le inondazioni hanno già creato scompiglio nel settore immobiliare e assicurativo. Anche se non può sradicare tutte le calamità legate al clima, l’investimento nel cambiamento climatico ha la capacità di ridurre al minimo le perdite. Oggi ci sono molti investimenti, fondi e azioni che si rivolgono agli investitori che vogliono avere un impatto positivo sull’ambiente attraverso i loro investimenti.

Quando si crea un portafoglio rivolto al cambiamento climatico, ci sono diversi aspetti da considerare. Anche se l’economia globale non eliminerà completamente l’inquinamento da un giorno all’altro, anche una piccola riduzione potrebbe ripagare a lungo termine. Inoltre, se queste tecnologie sono efficaci, le aziende che le creano potrebbero essere molto redditizie. Investire nelle energie e nelle imprese green ha il potenziale di produrre rendimenti sostanziali, e allo stesso tempo apportare benefici anche all’ambiente.

Ultimo aggiornamento:

Altri articoli

Dichiarazione di non responsabilità: Alcuni testi su questo sito web sono puramente per le comunicazioni di marketing. Nulla di quanto pubblicato da Quanloop costituisce una raccomandazione di investimento, né si deve fare affidamento sui dati o i contenuti pubblicati da Quanloop per qualsiasi attività di investimento. Quanloop raccomanda vivamente di effettuare la propria ricerca indipendente e/o di parlare con un professionista qualificato dell’investimento prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria.